lunedì 1 luglio 2013

Questi non so arabi

Npo de tempo fa tornato ar volo in tere castellane (dei Castelli Romani, non della Castilla, che qua i catalani me tajano la testa se me azzardo a insinuà dubbi geopolitici) me ne andavo zompettando in giro, quando becco un amico che era nber po’ de tempo che non cioccavo.

Ie racconto rapidamente che ce stavo a fà da st’artra parte der Tirreno e lui me fa: “Ma come potevi fa nblogghe, quello tuo sui turchi, c’avuto ngran successo, lo potevi fa su i spagnoli!”. Evitando de faje du cojoni così sur sentimento indipendentista de sto popolo che dicheno che va da Perpignà a Alicante ie risparmio pure ntrattato storico sulla fragile questione turco-araba, pensando tra me e me : “Ma mannaggia er Tigri, l’Eufrate e l’Impero ottomanno, ma ancora non è arrivata la notizia che i turchi non so arabi? Er tiggì n’ha detto niente?”.

Che io vado sempre a casa de n’amico mio a pijamme er caffè e la madre me fa sempre: “Ao come va co sto turco?”.

E io a na certa me so pure stufato de spiegà la differenza tra i popoli, soprattutto a livello linguistico, che 'a lingua chiarissima araba è semitica e che 'a lingua intruppona turca è uralica, che 'a prima è intraflessiva e costruisce la frase Verbo Soggetto Oggetto e che er turco la costruisce Soggetto Oggetto Verbo che vordì che devi aspettà du ore pe capì se ar cinema uno c'è andato o ja dato foco (è na lingua de suspence) e che è agglutinante, che vordì che te serve na cifra de saliva peddì na parola perché li turchi ce attaccanno tutte particelle in coda.
Presempio io non potrò amare se dice “sevemeyececeğim”nella loro casa se dice “evlerinde”, mentre in arabo non potrò amare non esiste perché ce sarebbe la rivolta dei cantanti sdorcinati arabi e nella loro casa se dice “fi baytihim”.


Praticamente pe fa una semplificazione “orientalista” potremmo dì che l’arabi e i turchi in realtà so come l'austriaci e l’ungheresi.

Che ste ammucchiate geopolitiche ho scoperto che so molto frequenti. L’Iran in molti pensano che sia arabo, che er finlandese e lo svedese sia intercomprensibili, che i tedeschi parlino bene l’inglese (na vorta m’è venuta a trova n’amica crucca della coinquilina mia de Jena che me diceva solo “Morgen, Gute nacht, Wasser, Flasche, Wurstel, Entschuldigung, Rumenigge.”).

Qua a Barcellona er luogo comune contro cui ho dovuto lottare più strenuamente è stato quello sur Pakistan arabo.

Vole er caso che er pischello della coinquilina mia tedesca sia der Pakistan e sti due so popo du mondi diversi. Che na vorta so stati du giorni a litigà perché er pachistano aveva rotta nbicchiere e lei ie diceva: “Hai rotto er bicchiere” e lui je ribbatteva : “No è er bicchiere che s’è rotto” e so stati du giorni e du notti a attaccasse ai verbi transitivi e riflessivi, a mette in mezzo 'a filosofia de Kant e del Al-Ghazali, finché io non so sceso dar cinese sotto casa e ho comprato nbicchiere novo.

Sti cazzo de cinesi se meritano er premio nobel daa pace, artro che Obama.

E sto pachistano insomma è appassionato de cucina speziata, che te manda ar cesso all’istante, de canne de fumone e der filosofo al-Ghazali, che lo butta in mezzo in ogni discussione, dal calcio, al tajo e cucito.

E quindi appena appresa la notizia, de sta convivenza esotica, nbotto de amici miei se so subito congratulati: “Ao grande così armeno poi parlacce arabo”, ma questo qui, c’ha sì er barbone da musulmano ma de arabo nce capisce na mazza, solo “Salam alaykom” sa dì , perché lui volenno te po fa’ na disserzione sur pelo de fori dell’attori de Bollywood co n’amico suo de Nuova Delhi ma coll’arabi questo condivide solo a religione e le tempistiche.

Er tra npo', er dopo, er domani pe loro so concetti non definibili. Pija n’arabo, pija n’impegno e ce sarà sempre un poesse, un domani, un seddiovole  a sarvaje er culo. Bukra, mumkin, inshallah.

E sti pakistani, allora, se volemo parlà de antropologia fatta coi piedi so uguali identici. Che in camera mia mancava na scrivania. E io me volevo annà a comprà uno dei quei pezzi de legno chiamati Thor in uno dei quei negozi nordici gialli e blu, e invece lui, er pachistano ce l’aveva a morte coi biondi slavati e me fa: “Non te preoccupà, la scrivania te la faccio io….domani!”.

E ner calendario lunare musulmano domani come ben sanno gli orientalisti de sto monno corrisponde a 23 giorni e quindici ore der calendario gregoriano, solo che ogni santo giorno de sti 23 er pakistano-arabo comune te ripete “domani”, “domani” “domani lo faccio”. E alla fine de sti 23 giorni e quindici ore inizia n'artra ciclo. Er domani in verità nun esiste.

E poi capita che te te scordi der tempo che scorre e te ritrovi, a tua insaputa, na scrivania montata in camera, montata ar muro, solo che sta scrivania è stata pensata pe tre scandinavi messi a cavacecio uno soprallaltro perché a me, seduto sulla sedia, la scrivania me arrivava ar mento.

E er poro pakistano se dispera, te dice scusa, io so pakistano svedese, so arto, non me so regolato colle misure. Al-Ghazali diceva che più le scrivanie so alte più la nostra mente deve sforzasse a raggiunge quell’altezza di pensiero.

E te dice esterefatto, “domani quando c’ho tempo te l’aggiusto”.

Finché na decina de domani più tardi, la pischella che è tedesca e per lei i “mo” so “mo” e i “tra cinque minuti” so “ tra quattro minuti e ciquantanove secondi” ie se mette alle calcagna e er pakistano decide de aggiustatte la scrivania proprio mo, mo che vai de fretta, che devi uscì de casa e non te va de staje appresso pe faje vede le misure de sta scrivania.

E questo te imbocca in camera a gamba tesa coll''attrezzi e la voja de segà tutto, entra co quer briciolo de forze ispirate da ar-Ghazali e se mette a segà.

E in quei giorni questo stava fomentato che aveva fatto du classi de catalano e alla pischella tedesca che lo stava a aiutà ie iniziava a dì le cose in catalano: “Més, més” e quella ncapiva ncazzo e quello se girava verso de me e me chiedeva come se dice “menos” in catalano? “Se dice menys no més, més è più, ma che ncio sai er motto der Barça més que un club? E poi ma che ce frega mo der catalano, spagnolo, arabo, panjabi, turco e ungherese, famme sta scrivania che io devo uscì non me pare er caso de fa ntrattato filologico mo in camera mia.”

E sega de qua, sega de là, alla fine sta scrivania pija le sembianze de na scrivania normale pe “caucasici”, che poi che vordi caucasico nse sa, che vedi tutti l’amici tua sui social network che mettono come etnia “caucasico”, e pensi che er cervello ie sta a giocà nbrutto scherzo come ner miscuglio tra turchi e arabi.

Che poi voi che ve dite “caucasici” almeno er Caucaso o sapete ndo sta?

Visto che stamo in tema, un cantante catalano diceva, sono nato nel Mediterraneo, e allora su sti cazzo de social network perché non ce potemo mette che semo mediterranei? Come i libici, i marocchini, i greci e gli iberici?

Sto pachistano me lo dice sempre: “Ao tu sei europeo ma sei molto più uguale a me che alla pischella mia crucca, dovresti troppo venì in Pakistan con me na vorta, sai quanto se tajamo”.

“Va bene, che ne dici se annamo domani?”

Domani va benissimo”

Domani allora….”

“Domani, seddiovole, poesse….”



P.s St'articolo è stato scritto martedì 22 ottobre, ma l'ho datato 1 Luglio per seguire un filo logico tra i vari periodi "giordano", "italiano" e "catalano". Devo ancora mettere un po' di storie dell'estate passata a lavorare in Grecia (i greci so na cifra arabi, ma i protagonisti saranno per lo più italiani in vacanza) che copriranno il buco da Luglio a Settembre, daje!

6 commenti:

  1. Ahahahahahahahahah!! Grandissimo come sempreeeee!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie silvietta! Un abbraccio...

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grandi zic. Prima o poi na capatina in Cina ce starebbe tutta, quello anche è terreno fertile pe ste storie, stamme bene!

      Elimina
  3. Sei un genio....! Complimenti, mi fai sgnanasciare! Come resto aggiornata? Sei su facebook? Laura (ex arabista)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami per i tempi di risposta arabeschi e grazie del tuo commento.
      Il blog da oggi ha cambiato nome, lo stile sarà sempre lo stesso di questisoarabi ma i post riguarderanno anche altri viaggi e luoghi (come accade da un po' di tempo a questa parte).
      Dalla settimana prossima parto direzione est, verso la Turchia per qualche mese, gli aggiornamenti li potrai seguire sul blog e sulla nuova pagina Fb https://www.facebook.com/monnosolitario

      Elimina