giovedì 5 luglio 2012

Lezioni de italiano


Tocca fà nsalto ndietro. Na specie de fleschbec che scritto così nromano più che altro pare tedesco, ma aa fine er tedesco quarche tratto daa lingua der Tevere ce l’ha co tutti quii “der” “in der”. Nsomma famo come se ce se sta a sfocà er riquadro, ce se annebbia tutto e alla maniera de Hollywood, colla h pronunciata forte, senno l’arabi e l’americani se ncazzano, che a pronuncia della h aspirata fatta bene è una de poche cose per cui l’arabi e l’americani non baccajeno tra loro,  tornamo indietro ner tempo. Famise accarezzà dalla calla mediorientale, famise conquistà dar profumo dee mille e una spezia, famise abbraccià dai colori dei tramonti levantini, famise rincojonì dae storie dii tassinari de Amman, famise incantà e ao stesso tempo famise rompese i cojoni dal canto der muezzin ae 4 e mezzo de matina, quanno pareva che finalmente ie l’avevi fatta a accasciatte in pace, famise sto fleschbec nsomma, che nun me pare dovrebbe esse na cosa haram.

Quinni seconde ee teorie tedesco-hollywoodiane fleschbecchiane che ho appena enunciato, semo da poco arivati in Giordania, tera de beduini, tera de Medio Oriente, tera de sabbia e de palazzoni sgheci daa nova imprenditoria cor turbante.

Te appena arivato mica te cio facevi che l’italiano stava così carico qua nGiordania e te credevi che era na cosa più che artro der Nord Africa arabo, dove staveno tutti arzilli colle lingue europee.

E era n’attimo perdete pe la medina de Marrakesh e vede er mercante dee cammelli che t’attacca er pippone nsette lingue e te ie dici no zi no francese, no spagnolo, no inglese, no italiano, vojo parlà la lingua chiarissima araba e quello dice vabbè daje fatte sotto e te ie dici mada turidu? (cosa vuoi? in arabo classico) e quello te ride nfaccia perché nmarocco se dice shnu briti? (che voi? in arabo marocchino).
E è annata a finì che qua vorta che sei annato nMarocco hai parlato più francese che nFrancia.

E te te credevi che era na fissa dei tunisini abbituati ar turismo e che erano capaci a parlà tutte e lingue neolatine comprese er portoghese, er catalano e l’occitano o dell’egiziani che c’avevano nparente che lavorava come pizzettaro a Roma e se so mparati l’italiano a forza de chiamà sto parente e sentì de sottofondo e filippiche der Tg 1. E te te credevi che qua nGiordania ie rimbarzaveno sti idiomi esotici europei. Che a fine pure storicamente a Giordania pen periodo è stata sotto mannato britannico. Ma robba de poco e li sudditi daa corona nglese n’hanno lasciato n’impronta linguistica forte come li francesi nLibano presempio.  E te pensavi mo so cazzi mia. Mo che vado là se nun me ricordo quarcosa n’arabo che ie dico a questi?

Nvece no che e lingue e sanno pure qua. Che ormai e lingue e parleno dappertutto, tranne i bijettari de Trenitalia daa stazione Termini, che ie fanno ar poro tedesco :“Er bijetto pe Milano so 75 sacchi zi! Ci scusiamo pei disagi”.

Però qua nGiordania nvece de fà come noantri giovinotti poliglotti italiani che pe ditte ne sapemo che ne so cinque, sei de lingue, ma ee sapemo tutte veramente male, questi se fissano co du lingue e bbasta. Tranne i beduini de Petra che so ncaso a parte e te dicheno se voi montà er cammello loro in bergamasco e ungherese, che dicono che ce stanno tanti ungheresi che vanno a Petra, ma pemme se confondono coi tedeschi e colli svedesi e quinni sti poveri beduini se so mparati sta lingua ugro-finnica a buffo, che a loro i bionni ie pareno tutti ungheresi poesse.

Pe ditte da noi ce sta sta nova moda de sape npo’ de tutto, pe ditte io c’ho npar de amici che sanno di “damme na bira grazie” in quindici lingue tra cui o svedese e er turco però poi se ie dici “How old are you?” te risponneno “Fine thanks, and you?”.

E noi occidentali, cor peccato originale latino, se avventuramo noo studio dee lingue a casaccio e così mescolamo tutto a mozzichi e bocconi, però se famo rispettà e soprattutto non esiste su a faccia de sto monno nfame na tera desolata in cui non se famo capì, a gesti, a linguacce e a sorisi.

E nell’università se famo nmazzo tanto coi tomi de grammatica, a snocciolà l’agglutinazioni turche, a capì ndo cazzo vanno l’accenti nqua lingua arcaica che è er francese, a capì come se scompongono i verbi in tedesco, a batte la capoccia coe 13 persone daa coniugazione verbale araba. Che io dico 13 persone, ho capito che e famije de voartri so numerose, ma 13 persone manco a nventessale e tiralle fori dal cilindro.
E nse ricapezzamo  tra tutto sto melange (ricordo che ntrascrizione romana l'accenti francesi ce rimbarzano e se po tranquillamente pronuncià a "e" finale, che noi parlamo e scrivemo come magnamo), tra tutto sto mixxe, tra tutto sto miscujo, pe capisse, l’unica cosa che nun se dimenticamo so e lingue madri, ovvero li dialetti. Ao come se diceva in italiano”rosicare” nun me ricordo ci, ao ma come se dice all’Accademia daa Crusca “accollasse”?

Che potemo parlà quante più lingue ce pare ma a fine ce sgamano sempre. A me me capita sempre, sia che parli arabo, spagnolo o francese, che l’interlocutore o quarche orecchia appizzata italiana sempre me dice: ao ma sei de Roma? Ammazza come l’hai scoperto o? No boh forse perché ar posto de dì el o al come rispettivi  articoli spagnoli o arabi ce metti er, ma è na cosa che nun se nota troppo tranquillo.

Così i toscani so na spada a parlà er palestinese perché aspirano la ق (na q pronunciata con corpo de gargarozzo), ma erroneamente pure la ك ( la classica c de coca cola co la canuccia), e comunque ponno parlà tutte e lingue che ie pare ma se sgama sempre che vengheno da e tere de Dante e dai baretti chiccè de Forte dei Marmi.

Invece qua nGiordania se applicano forte. Se ce infissano, se ce butteno anima e corpo, ma non solo se ingobbiscono come Leopardi sue gramatiche esotiche dee lingue europee, questi ii parlano benissimo st'idiomi senza mai esse usciti daa Giordania. Questi usano er metodo rincojonimento. Ner senso che se ascortano ee canzoni de Tiziano Ferro, daa Pausini, se vedeno er Tg1 e tutte ste fregnacce qua e pure se se impoveriscono culturalmente a lingua se la mpareno, poi fanno quadrato all’università do se leggono Umberto Eco e Petrarca come noi se leggemo i topolini sur cesso.

Pe addentrasse in questo fleschbech ( scusate l’italianismo “in questo” ma me so reso conto che “in sto” manco in romano esiste) nsomma uno dii primi giorni, me ne stavo a zompettà co na coinquilina mia italiana pe l’università, quanno ce fermeno du pischellette arabe e ce dicheno ridendo” Ma che per caso siete italiani voi?” che già quanno uno te dice “per caso” te devi solo che abbozzà e queste ce fanno no perché noi studiamo italiano volemo approfondi o studio da lingua do stivale, vedemise, incontramise, parlomone. “Si nce sta problema” ie faccio io e quelle “Sei di Roma vero?” . Alimortè ma che c’ho scritto Cuppolone nfronte? “Sai abbiamo riconosciuto l’accento perché una volta abbiamo fatto una lezione di cultura italiana”. 

Alla faccia daa Germini, sti arabi stanno arzilli, fanno na mezza lezione dee cultura e se ponno permette de rintraccià er dna mio personale solo da du mezze parole che ho spiccicato. Artro che, questi so arabi pe davero, questi i libri de grammatica l’inzuppano a matina ner caffèlattè pe fà colazione, e coi dialetti e cor dativo ce fanno merenda.

Va benissimo pischellè quanno ve pare.


Intanto spostandose npo’ avanti nel fleschbec all’università organizzeno i tandem linguistici. Che praticamente te appioppano un partner che me pare dave capito che in romano voja dì “nsoggetto” pe fa l’allenamenti de lingua, flessioni, bicipiti, complementi de mezzo e stati costrutti. Solo che fanno bene a chiamallo tandem perché qua comannono loro, ner senso che loro se metteno seduti davanti e te abbozzi dietro e devi segui loro che so i capoccia. Pe ditte sti tandem va a finì che parlamo solo italiano, che questi monopolizzano a discussione e te fai pippa e te rimane solo da dì si si c’hai ragione, è vero.

E questi parleno e non se fermano mai e quanno manca un minuto te dicono du cazzate in arabo e spariscono. Na specie de imperialismo ar contrario. Voi c’avete fatto conosce ee lingue esotiche europee, mo noi ve rincojonimo coe stesse vostre parole. La maggior parte dee volte poi quanno er “soggetto” tuo è na bonanima socialista ( no craxiana ma internazionalista) e quinni vole condivide le sue conoscenze va a finì che te te devi fa spiegà e fregnacce tipo i nomi dii piatti tipici e i numeri in dialetto mentre a questi che so pozzi de italianistica gne devi da dì niente perché già sanno tutto e se vonno solo levà dei dubbi tipo che vordì “centrifuga” ( che a di er vero io no so manco bene che è na centrifuga) o come se po di altresì “ermetismo”, e te te senti no schifo che stai ancora a combatte coi colori e te confondi ancora co “wen” che n’arabo dialettale vordì “ando” e te ancora o dici alla maniera daa regina d’Inghilterra pe di “quanno”. 

E questi invece che so studenti arabi diligenti se leggono Svevo e fanno i scioglilingue su Trento e i trentini e vonno sapè  che è er catenaccio trapattoniano perché ormai sanno tutto o Zanichelli a memoria e ie rimangono da sape solo e briciole de sta lingua mediterranea. Che na vorta n’amico mio l’hanno messo nmezzo a tradurre er Cantico delle Creature  e popo nse riaccapezzava che ie pareva che era scritto in arabo e invece er “soggetto” suo che era de Amman discendente da 43 generazioni de beduini a da vede come se districava tra “mentovare” e “humilitate”.

Poi ngiorno, dopo ave già scajato parecchie volte a sti tandem linguistici ce chiameno quee pischellette dee lezioni de cultura e ce dicheno o ma venite a na lezione nostra, cioè popo dell’Università nostra, a dacce na mano che traducemo l’articoli de giornale e sonamo er mandolino. A professoressa già lo sa, me raccomando ndatece la sola. A lezione inizia Domenica ae 9 de matina. Perché Domenica qua n’è festa, visto che er campionato de calcio giordano n’è tanto famoso a Domenica è come er Lunedì nostro. 



Però te ancora nte sei abituato a sto sfreggio temporale e accetti pure se co riluttanza e dici vabbè diteme ndo sta l’aula se vedemo ae 9 là. Fermite. Cascasse il mondo. Ma che sii matto. Questi so arabi e tu sei ospite loro e come te voi permette de imboccà così sgargiullo a lezione ae 9? Qua tocca dasse la punta alle 8 e mezza davanti alla facoltà e poi tocca annà nsieme dentro, che qua semo ospiti, tocca che ce fanno strada. E na punta ae 8 e mezza de Domenica te nun ta ricordi dai tempi daa prima Guerra der Golfo der 1991. Pe te da 22 anni a sta parte a Domenica inizia da mezzogiorno npoi. Ma fai sto sforzo perché non te va de offende a fratellanza e l’ospitalià araba.

Arivamo ae 8.33 ar posto della punta e ovviamente l’amici nostri erano 45 minuti che staveno lì a aspettace, perché l’ospite non se fa mai aspettà e a questi che so arabi ie piace proprio aspettà la gente nella classica posa fancazzista araba. E pure se so du ore che te stanno aspettà te chiedono scusa perché nun te so venuti incontro quanno stavi a arivà. Ma te che stai ancora colle caccole sull’occhi domenicali nun capisci in che lingua te stanno a parlà, se arabo beduino o italiano colto, e dici vabbè piamose tre caffè a rota e poi annamo a sta lezione domenicale va che è mejo. “Scusa ma perché dici mejo? Non si dici meglio?” Aspè mejo che nun se imbarcamo in discorsi trasteverini o critiche filosofiche ar pensiero delle fraschette de Ariccia, quello che te vojo dì è che se dice “meglio” ma se dici “mejo” è mejo. Lascia perde  Ungarè e stamme a senti a me, capito?

Entramo nclasse e venimo presentati a tutti come pozzi de saggezza italica. La professoressa che è araba parla in padovano perché ha studiato a Padova e io pure se nun ho mai sentito come è er padovano me pare che ce piava na cifra, perché nc’ho capito ncazzo e io er padovano noo capisco pe niente.

In classe iniziano a fa na traduzione che parla de na sciroccata che era ntrata in un ospedale de Niu Iorc a piasse nbambino nfasce poi non me ricordo che era successo ma vissero tutti felici e contenti. Noi ovviamente della parte n’arabo ce capimo poco, se non niente, e famo i sgargiulli a legge la parte in italiano. 

A da vede come eravamo forti a legge o, avessimo fatto n’errore de pronuncia, manco e “gn” avemo sbajato. Poi sti arabi arzilletti aspiranti italianisti ogni tanto ce chiedeveno delucidazioni e quinni noi se impettivamo tutti e ie spiegavamo qualche sinomino gajardo pe fa bella figura tipo “osservare” lo poi tradurre anche “scrutare” e questi rimanevano a bocca aperta e dicevano anvedi st’italiani quante ne sanno de italiano. E continuamo così finchè ie la famo a arzasse de Domenica matina, a spiegajje a sti futuri bamboccioni il significato di “secernere”, “ostracismo”, “qualunquismo”, “precipitevolissimevolmente” a fa finta de esse dei capoccioni e questi abboccano alla grande poi se stupiscono che sapemo ancora solo dì “ Io me chiamo” n’arabo, che se te voi riconosce quarche italiano in giro pe paesi arabi è facile, basta che ciocchi uno che zompetta pei suq a dì “Ana ismi, Ana ismi” e nun te poi sbajà, quello è italiano.

Se rendemo conto dopo na settimana che avemo messo piede in tera beduina che parleno tutti italiano e noi popo nun se ricordamo a sto punto se la Giordania era stata colonia dantesca perché senno nun se spiega sta cosa qua. Er fatto è che poi sti fraciconi parlano tutti l'italiano daa Crusca, perché questi nce so mai venuti in Italia e quinni non ie poi parlà romano fracico senno nse capimo proprio, che certe vorte er romano fracico manco quelli de Roma Nord o capiscono figurate questi che so arabi. Mica come te che t’avevano fatto crede il primo anno de università che dovunque annavi te potevi raccapezzà coll’arabo classico e nvece fino a mo hai raccolto solo na serie de risate nfaccia dai mercanti e dai i tassisti dal Maghreb al Mashreq, questi parleno solo italiano accademico e te te devi sforzà pe comunicà co loro sia n’arabo beduino che in italiano accademico che n’è popo a lingua madre tua.

E quindi lo sforzo è triplo. Studià l’arabo classico pe Aljazeera e pe le traduzioni, imparatte er dialetto pe comunicà e non fatte ride nfaccia dall’amici tua e rimpadronitte de quaa lingua arcaica chiamata italiano. Male che va quanno rimetti piedi in Italia non avrai popo imparato a ciancicà l’arabo ma armeno te sei imparato a parlà a lingua doo Stivale, e forse prima o poi ia farai a di “meglio” al posto di “mejo”, che te sei annato nmezzo all’arabi e questi tra caffè, thè e stati costrutti, te nsegnano a apprezzà a cultura loro facendote riscoprì a cultura ea lingua tua. Che questi che so arabi coi libri de grammatica ce fanno a scarpetta ar cus cus, ma quanno parlano italiano o fanno mejo de te, che questi che so arabi ia rimbarza tutto.

P.s finito il fleschbec, tornato nello Stivale co  na conoscenza daa lingua de Dante coi controcojoni, avendo riscoperto la bellezza de parlà correttamente st’idioma arcaico che se chiama italiano ie faccio all’amici mia: “Cari amici sono finalmente tornato da un lungo viaggio che mi ha insegnato molto”. “Mparato vorrai dì. Daje te passamo a pià te scarozzamo pe quarche pizzo, se nciuccamo fracichi stasera”. Purtroppo già me so dimenticato tutto de novo, mejo così. Mejo.

2 commenti:

  1. Sei un dannato genio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto merito della genialità e dell'imprevedibilità de st'arabi!

      Elimina